Agricoltura è non violenza

Nella Milano dell’expo, che dovrebbe far riflettere sull’importanza dell’agricoltura nel mondo, Miobio apre con una testimonianza che ci arriva direttamente dalla Colombia.

Verranno a trovarci Yomaira e Enrique, due contadini colombiani scacciati dalle loro terre da interessi dei grossi latifondisti intrecciati con un potere politico che si traduce in sopruso per le comunità contadine locali.

Colombia. Di fronte alla violenza con cui è stata sottratta loro la terra, Yomaira ed Enrique, con tante altre contadine e contadini colombiani, hanno reagito organizzandosi in forma nonviolenta comunitaria. Per questa ragione, vengono minacciati e perseguitati da anni.
La loro storia dà voce a mille altre storie di sofferenza e forza, in regioni in cui gli interessi economici di imprenditori estranei al territorio si sono associati con la violenza dei gruppi paramilitari.
Nel loro caso, la violenza cominciò nel 1996 nella zona del Bajo Atrato (Chocó-Colombia), con l’operazione Septiembre Negro che li ha costretti a fuggire e cercare rifugio altrove, in condizioni di miseria.
Quando, dopo oltre dieci anni di sfollamento, sono riusciti a rientrare ai propri campi (nella valle del Curvaradó – Chocó), ognuno con la rispettiva famiglia, li hanno trovati occupati illegalmente da imprenditori che non hanno avuto nessuno scrupolo nel minacciarli e attaccarli affinché rinunciassero al ritorno. Forti della convinzione del diritto alla vita e alla terra e dell’organizzazione comunitaria, non hanno mollato.
Oggi sono qua per raccontarci la sofferenza e la speranza di tutto questo processo; sono qua per darci (e dare a loro stessi) la possibilità di un intercambio di esperienze di legame con il territorio e con il rispetto della vita; sono qua per dar voce alle centinaia di contadine e contadini che nelle loro comunità portano avanti questa lotta nonviolenta di dignità e vita.

Venerdì 16 Gennaio dalle 19 apriamo il padiglione da Miobio in via thaon de revel 9 Milano

Nessun commento

Nota che i commenti sono disposti in ordine cronologico con gli ultimi più in alto. Subscribe | Comment

Leave a Reply